BANDI DEL PNRR PER I COMUNI SICILIANI, TARDINO (LEGA): “NON VADANO DESERTI, AFFIANCAMENTO TECNICO PER AIUTARLI A PARTECIPARE, A COMINCIARE DA AVVISO ASILI NIDO”

Europarlamentare Lega/ID

BANDI DEL PNRR PER I COMUNI SICILIANI, TARDINO (LEGA): “NON VADANO DESERTI, AFFIANCAMENTO TECNICO PER AIUTARLI A PARTECIPARE, A COMINCIARE DA AVVISO ASILI NIDO”

Bruxelles, 21 aprile 2022 – “Siamo al fianco dei Comuni siciliani, incoraggiandoli a presentare progetti sui bandi del ‘Pnrr’. Bisogna indicare loro come chiedere l’affiancamento tecnico e amministrativo previsto dalla Commissione europea, da Palazzo Chigi e dall’Agenzia nazionale per la Coesione territoriale. Questa è un’occasione da non perdere per utilizzare al massimo le enormi risorse disponibili, che stanno sfuggendo perché i nostri enti locali non riescono a partecipare ai bandi. Bisogna evitare che vadano deserti”.

Così Annalisa Tardino, eurodeputata siciliana della Lega Salvini Premier nel gruppo “Identità e Democrazia”, lancia l’allarme ricordando, ad esempio, “il caso del bando per gli asili nido al Sud, la cui scadenza ora è stata prorogata per la terza volta, sino a fine maggio, per consentire anche ai Comuni della Sicilia di presentare progetti, gli unici a non averlo ancora fatto assieme a quelli di Molise e Basilicata. Ci sono a disposizione 70 milioni di euro per dare la possibilità alle mamme siciliane di trovare finalmente posto negli asili nido pubblici e di conciliare lavoro e famiglia senza dovere sostenere ingenti oneri finanziari presso strutture private. In questa proroga la partecipazione è stata anche agevolata dall’estensione dei benefici ai ‘poli scolastici’ che ai nidi affiancano le scuole materne, e i comuni saranno accompagnati nella presentazione delle proposte con specifiche azioni di supporto”.

“La possibilità di chiedere assistenza – conclude Tardino – vale anche per partecipare agli altri tre bandi attualmente aperti per i Comuni, come quello da 900 milioni per azzerare le perdite delle reti idriche, quello per il recupero delle aree urbane con l’adeguamento di impianti sportivi e quello per la creazione di cloud per le P.a. locali. Sono tutte misure utili per realizzare interventi che difficilmente potranno essere finanziati successivamente da altre programmazioni di fondi strutturali europei”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: